Fake news scientifiche, tre giornate per riconoscerle

Le false notizie che circolano sul web e i social network sono uno dei temi più dibattuti e scottanti dell’attualità; un fenomeno diffuso che non risparmia neppure scienza e medicina. Ma come fare a riconoscerle? Come orientarsi in modo consapevole nel flusso di comunicazioni che ogni giorno ci investe?

Affrontare queste domande significa rispondere a una richiesta collettiva poiché le false informazioni riguardano e condizionano la vita di tutti. Per questo è nato “Snews – fake news scientifiche” un progetto dell’associazione Bluecheese Project,  inserito nella programmazione di Eureka! Roma 2018 promosso da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale.

Tre giornate, 7-8-9- maggio, di laboratori, tavole rotonde, esperimenti e letture con un team di biologi del CNR e giornalisti. “Abbiamo realizzato questo progetto – spiega Pierpaolo Fabrizio dell’associazione –  in network con lo spazio Scholé che ospita gli incontri e con l’assessorato alla scuola del  Municipio VII. Con loro stiamo coinvolgendo direttamente le scuole medie e superiori perché il pubblico più giovane è sicuramente il più esposto alle false informazioni e necessita di strumenti per sviluppare una capacità critica”.

Durante le tre giornate non mancheranno momenti di svago e sorprese, sono infatti in programma gli esperimenti invisibili del “Circo Patafisico”, il TG delle fake news, merenda, tavolo da ping pong.

Sui social network – in collaborazione con IgersRoma – è attivo l’hashtag #lamiafake con il quale è possibile pubblicare un post o una foto per smascherare nuove bufale o ricordare le più clamorose.

La partecipazione a Snews è gratuita e aperta a tutti.

7-8-9- Maggio dalle ore 16.00 alle 19.30 presso lo spazio-incontro Scholé nella Villa Lazzaroni (ingresso da via T. Fortifiocca 71 oppure da Via Appia Nuova 520)

Info e prenotazioni su Eventbrite

PROGRAMMA

7 maggio
-16.00 Laboratorio con i biologi (Latella, Belloni, Madaro): le basi del metodo scientifico; come si disegna un esperimento; spiegazione delle funzioni delle attrezzature presenti in aula, utilizzo degli strumenti per semplici esperimenti dimostrativi “dal verosimile al vero”.
-merenda e sorprese del “Circo Patafisico”
-18.00 Tavola rotonda con il giornalista scientifico Andrea Capocci: caratteristiche del giornalismo scientifico; fonti, documenti e verifiche; lettura dei giornali; riconoscere una fake news.
-19.00 Il Tg delle fake news con Tanya Santolamazza

8 maggio:
-16.00 Laboratorio con i biologi (Latella, Belloni, Madaro): la rilevanza statistica dei gruppi sperimentali, visione dei video-esperimenti, esercitazioni con le attrezzature fornite.
– merenda e sorprese del “Circo Patafisico”
-18.00 Tavola rotonda con la giornalista Diletta Parlangeli: i modelli di business del web come generatori di fake news.
-19.00 Il Tg delle fake news con Tanya Santolamazza

9 maggio:
-16.00 Laboratorio con i biologi (Latella, Belloni, Madaro): la divulgazione del risultato scientifico presso la comunità scientifica, attraverso i media e alla collettività; esercitazioni con le attrezzature fornite.
-merenda e sorprese del “Circo Patafisico”
-18.00 Tavola rotonda con il giornalista scientifico Andrea Capocci: interessi dietro la diffusione delle fake news scientifiche; come riconoscerle; il loro impatto sulla realtà.
19.00 Il Tg delle fake news con Tanya Santolamazza

 

 

Image for: Fake news scientifiche, tre giornate per riconoscerle