Arte, complessità, tecnologia

Qual è la soglia di distinzione tra complicato e complesso? Quale l’errore che si commette separando sfera cognitiva da sfera emotiva? Venerdi 24 maggio presso MACRO  Asilo,  partecipando al Festival della Complessità – lezioni #9 e #10 – potremo avere risposte a queste e altre domande grazie agli incontri promossi dal Complexity Education Project.

Si tratta di un gruppo di ricerca dedicato allo studio e alla diffusione di metodi e conoscenze su reti e sistemi complessi. L’obiettivo è quello di dare un contributo alla formazione e all’educazione alla complessità in Italia,  e di costituire un punto d’incontro tra realtà di ricerca e singoli, che si occupano dei temi complessi da prospettive diverse.

Presso “la stanza delle parole” dalle ore 17, con ingresso libero e prenotazioni su Eventbrite, con i due relatori Piero Dominici e Pier Luigi Capucci.

Per chi volesse arrivare con qualche domanda consigliamo il testo “Arte e tecnologie”,  proprio di Capucci, rilasciato da poco su licenza Creative Commons. Lo trovate qui

Dalla premessa: “L’arte discute il reale con la dignità di ogni altra scienza, mostra l’esistenza, e spesso anche la necessità, di un’alterità che anche se silenziosa o rimossa non può che essere – deve essere – presente. Se la scienza indaga sul mondo, in qualche modo restituendone una rappresentazione, l’arte indaga sul nostro rapporto col mondo, con questa rappresentazione, mostrandone volti alternativi, spesso trascurati. Nella sua indagine e nella costruzione di mondi possibili la ricerca artistica configura strade altre, al di fuori di quelle battute, dunque con un grande potenziale cognitivo.”

Save the date!

di Pierpaolo Fabrizio

 

Image for: Arte, complessità, tecnologia